Coronavirus - Aiuti e incentivi alle imprese

Contributi alle imprese del Distretto del Commercio

Il Comune di Induno Olona intende sostenere gli investimenti diretti degli operatori economici e degli aspiranti imprenditori nei Comuni del “Distretto del Commercio della Valceresio”.

Possono essere beneficiari di contributo le micro, piccole e medie imprese esercenti vendita al dettaglio di beni e/o servizi, somministrazione di cibi e bevande, prestazione di servizi alla persona localizzate all’interno del “Distretto del Commercio della Valceresio”, il cui perimetro coincide con l’intero territorio dei comuni di Induno Olona, Arcisate, Besano, Bisuschio e Porto Ceresio.

È ammessa la partecipazione di imprese che soddisfino i seguenti requisiti:

  • essere iscritte al Registro delle Imprese e risultare attive;
  • disporre di una unità locale, oppure impegnarsi ad aprire, entro il termine di conclusione del bando, una unità locale, che sia collocata all’interno dell’ambito territoriale del Distretto del Commercio e che:
    • abbia vetrina su strada o sia situata al piano terreno degli edifici o all’interno delle corti;
    • disponga di locali direttamente accessibili al pubblico, presso cui si esercita una attività di:
      • vendita aldettaglio di beni e/o servizi;
      • somministrazione di cibi e bevande;
      • prestazione diservizi alla persona.

Sono inoltre ammissibili gli aspiranti imprenditori che avviino, prima della presentazione della rendicontazione, un'attività che soddisfi i requisiti sopra previsti. 

Sono ammissibili progetti di investimento che possono includere le seguenti tipologie di interventi:

  • riqualificazione e ammodernamento, in una prospettiva di innovazione e sostenibilità, di attività già esistenti;
  • avvio di nuove attività o apertura di nuove unità locali, oppure subentro di un nuovo titolare presso una attività esistente;
  • accesso, collegamento e integrazione dell’impresa con infrastrutture e servizi comuni offerti dal Distretto o compartecipazione alla realizzazione di tali infrastrutture e servizi comuni.

L’investimento minimo ammissibile è di 2.000 euro (considerato come somma delle spese in conto capitale e delle spese parte corrente), di cui almeno 1.000 euro in conto capitale. Sono ammissibili le spese effettivamente sostenute dall’impresa beneficiaria, i cui giustificativi di spesa decorrano a partire dal 28 marzo 2022 alla data di presentazione della rendicontazione.

L’aiuto è concesso come agevolazione a fondo perduto, a fronte di un budget di spesa liberamente composto da spese in conto capitale e spese di parte corrente. Il contributo previsto, per le domande accettate, è pari al 50% della spesa ammissibile totale (in conto capitale e di parte corrente) al netto di IVA, e in ogni caso non potrà essere superiore all’importo delle spese in conto capitale, sino ad un massimo complessivo per ciascuna domanda pari a 5.000 euro.

Le domande dovranno essere presentate dalle 10.00 del 15 marzo 2023 alle 16.00 del 30 aprile 2023.

Settore
Area Espositiva


Mappa
Contatti
Allegati
Schede
News correlate
Bandi collegati

Risposta

Lascia un commento - Inizia una nuova discussione

Copyright ® Telematica Italia S.r.l. 2024 - Tutti i diritti riservati